Salerno. Incursione fascista all’Arcigay

Il comunicato del circolo Marcella Di Folco: “Questa sera abbiamo trovato la nostra sede vandalizzata da ignoti che hanno tagliato la porta in ferro, distrutto la porta a vetri e vandalizzato il nostro spazio. Non è stato rubato nulla, segno del gesto più offensivo e discriminatorio che finalizzato al furto. Nelle prossime ore denunceremo il fatto alle autorità e daremo ulteriori dettagli. Resta l’amarezza di una triste scoperta e la consapevolezza di dover ancora lottare e resistere per i diritti e le tutele di tutte e tutti. La nostra città non è più immune da questi fatti, semmai lo sia stata.”

Noi pensiamo che gli ignoti abbiamo almeno una definizione. Quella di fascisti, che sono i principali sgherri dello status quo maschio e pallido. E bisogna dirlo e capirlo: l’indignazione, le lamentale e le denunce rafforzano e la violenza della norma. E una volta detto e capito organizzarsi di conseguenza.

Precedente Fiacca Nuova: senza storia, senza onore, sempre servi. Successivo Cesare Battisti. Questo film non è un documentario