Raqqua liberata dalla prime linee delle donne kurde Ypj

Trump è un guappo di cartone: forte con i deboli e debole con i forti. Per liberare Raqqa ci sono voluti il comando e le prime linee delle donne kurde del Ypj. Erdogan si è nascosto dietro di loro e Trump è rimasto nei cieli a distribuire i dollari delle bombe e dei bombardieri ai suoi amici dell’industria bellica americana.

Grande rispetto, grande solidarietà e, si spera, giusta complicità alle combattenti kurde, che hanno liberato anche noi dell’incubo nazionalintegralista del califfato Daesh.  

Precedente Desirée e S. Lorenzo: tempo, stili di vita e contropotere Successivo Se una gentile signora sistema un razzista...