Nostra signora Giusy Meale in video ed in art

operagiusimeale1

Un quadro di Giusy esposto all’Artstudio.

Da alcuni giorni è allestita una mostra d’arte e girano in rete due video di “Nostra signora Giusy”. Le due cose sono collegate da un unico progetto artistico proposto da Vittorio Rainone, animatore dell’ “Artstudio When Tattoo Calls” in Pontecagnano Faiano vicino Salerno, che ha postato i due video su YouTube e allestito la mostra nei locali del suo studio.

Il primo video è un’intervista a Giusy e fa parte del lavoro prodotto e accumulato da Irene Ammaturo per la realizzazione del suo film “Maletiempo”, insieme a Marco Vitale.

L’intervista, che è ancora integrale, è rimasta finora nell’archivio di Irene non trovando posto nel film per la tragica morte di Giusy. E’ nel momento del montaggio che l’ombra dell’evento tragico “invade” il film facendo perdere, a chi ci lavorava, ogni forza, coraggio e possibilità di avvicinarsi alle immagini e alle parole di Giusy. Immagini e parole che si caricarono di una angoscia e di una drammaticità ancora più insostenibili perchè ricercate e volute per il film stesso, costruito in un’ottica solare, lontana dalle ombre della morte. L’intervista a Giusy è nella bella cornice del Porticciolo di Pastena, ed è a piena di luce e ottimismo, nonostante l’ordine del discorso imponesse una visione critica del presente – si parla della compressione della vita, oggi, a Salerno e nel meridione. Si parla di “Maletiempo” come dice il titolo del film.

Fin’ora questa intervista è restata un rimosso, non solo per il film ma per tutti noi. Il rimosso è stato superato con la collocazione della videointervista nel progetto di “Artstudio”.

Il secondo video, invece, è pensato e sviluppato direttamente nell’ambito della mostra, è un’ autoproduzione di una seducente agiografia di Giusy. Un assemblaggio di immagini, azioni e parole della “nostra signora”, raccolte fra i suoi amici e compagni e messe in produzione, calls producers, da Alessandra Plaitano e Marco Picariello che hanno confezionato un altro bel ricordo, un’altra “rivitalizzazione” di attimi di vita comune di Giusy.

La mostra con le sue installazioni e i suoi collegati, i due video, ha fatto straordinario, ha realizzato un momento magico: ci ha permesso di stare in compagnia di Giusy. In opere e immagini. In azioni e parole.

Qui il video della personale di Giusy Meale personale

La videointervista di “Maletiempo” docufilm di Irene  Ammaturo

11.3.2014

Precedente La Chiesa ed il Regno Successivo Adobbi Luxreggianti e ottica proletaria