Il degrado avanza… fine irreversibile di un epoca

dott. nessuno

La nomina di Stefania Pucciarelli, quella delle ruspe per gli immigrati, a presidente della commissione diritti umani al senato ci dice che il degrado avanza inesorabilmente. Ci dice che il degrado, sopratutto istituzionale, è inarrestabile con i paradigmi di questa epoca.

Oramai è evidente, agli occhi di chi vuol vedere, che questa epoca è alla sua fine. Questa epoca è marcescente, in decomposizione.

Ma la grande festa arriverà: c’è stato un tempo che provocazioni come questa avrebbero portato centinaia di migliaia di persone a pensare alla canzone che segue, almeno per un momento. Ma questo passato, nemmeno tanto lontano, non si arrende. Da qualche parte spinge ancora per realizzare il suo sospeso contro il presente, contro la storia. E riaffiorerà in altre forme, con altre parole, in altre canzoni e altri gesti, pensieri, azioni e organizzazioni.

Sotto la canzone, segue testo.

L’ora del fucile di Pietro Masi

Tutto il mondo sta esplodendo                                                                                dall’Angola alla Palestina,                                                                                      l’America Latina sta combattendo,                                                                                    la lotta armata vince in Indocina;                                                                                       in tutto il mondo i popoli acquistano coscienza                                                                 e nelle piazze scendono con la giusta violenza.

L’America dei Nixon, degli Agnew e Mac Namara                                                        dalle Pantere Nere una lezione impara;                                                                            la civiltà del napalm ai popoli non piace,                                                                    finché ci son padroni non ci sarà mai pace;                                                                      la pace dei padroni fa comodo ai padroni,                                                                        la coesistenza è truffa per farci stare buoni.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire                                                            che è suonata l’ora del fucile?                                                                                      Cosa vuoi di più, compagno, per capire                                                                         che è suonata l’ora del fucile?

In Spagna ed in Polonia gli operai                                                                                  dimostran che la lotta non si è fermata mai                                                                contro i padroni uniti, contro il capitalismo                                                                    anche se mascherato da un falso socialismo.                                                                  Gli operai polacchi che hanno scioperato                                                            gridavano in corteo: “Polizia Gestapo!”                                                                Gridavano: “Gomulka, per te finisce male!”                                                        Marciavano cantando l’Internazionale.

Le masse anche in Europa, non stanno più a guardare                                                    la lotta esplode ovunque e non si può fermare:                                                      ovunque barricate da Davos ad Atene,                                                                            ed anche qui da noi a Termini Imerese                                                                            da Genova a Chiomonte, Niscemi e Rosarno,                                                                  la lotta dura avanza, i padroni moriranno!

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire                                                            che è suonata l’ora del fucile?                                                                                      Cosa vuoi di più, compagno, per capire                                                                         che è suonata l’ora del fucile?

Precedente I salvatori de L'unità Successivo Ed il reale insorge in ogni momento della vita