Comitato invisibile. Ai nostri amici. Introduzione

Comitato invisibile. Ai nostri amici. Introduzione

Ai nostri amici A Billy, Guccio, Alexis e Jeremy Hammond, dunque Non esiste un altro mondo. Esiste semplicemente un’altra maniera di vivere. Jacques Mesrine Introduzione LE INSURREZIONI, INFINE, SONO ARRIVATE. A un tal ritmo e in così tanti paesi che a partire dal 2008 è l’intero edificio di questo mondo... Continua »
Gilets gialli: il movimento e la letterarietà di un problema

Gilets gialli: il movimento e la letterarietà di un problema

Pubblichiamo questo articolo di Alexandre Mendes da uninomade.net (Brasile) del 10.12.2018 – ripigliato da infoaut.org – perché riteniamo non interessante, anzi inutile e dannoso, il terreno della discussione italiana sui gilets gialli, quasi sempre esclusivamente politicista ed elettoralista. In Italia non si vede e non si indaga la potenza e... Continua »
Macron parla in tv con le braghe bagnate

Macron parla in tv con le braghe bagnate

dott. nessuno Macron è rimasto senza risorse. Dopo lo schieramento dei 90 mila poliziotti, compreso l’antiterrorismo, le teste di cuoio, i carri armati e premunendosi anche, probabilmente, di un “gaz incapacitant” (gas debilitante), di cui non si conosce la natura né la composizione, pronto ad essere usato contro la folla,... Continua »
DENTRO L’INCENDIO DI PARIGI

DENTRO L’INCENDIO DI PARIGI

Una testimonianza dalla Francia squassata dai gilet jaunes di Mattia Galeotti, da not.neroedizioni.com del 6 dicembre, 2018. “Così un viaggiatore scozzese, dopo che nel maggio 1871 gli insorti appiccarono il fuoco all’Hôtel de Ville di Parigi, descrisse il singolare splendore del potere in fiamme: «mai avevo immaginato tanta bellezza. È superbo.... Continua »
Francia, prossima stazione: destituzione

Francia, prossima stazione: destituzione

Da un post di Qui e ora. Traduzione da Lundi Matin #168 del 3 dicembre 2018 Contrariamente a tutto quello che si dice, il mistero, non consiste nel fatto che ci stiamo rivoltando, ma che non l’abbiamo fatto prima. Quello che è anormale non è ciò che stiamo facendo adesso,... Continua »
Ed il reale insorge in ogni momento della vita

Ed il reale insorge in ogni momento della vita

dott, nessuno Questa epoca è alla fine. Ci sta crollando addosso. La politica e le sue organizzazioni non lo capiscono. Non lo possono capire perché ne va della loro sopravvivenza, del loro potere, delle loro ricchezze, del loro status e delle loro miserabili identità. Per questo lavorano per eternizzare quest’epoca,... Continua »
Il degrado avanza… fine irreversibile di un epoca

Il degrado avanza… fine irreversibile di un epoca

dott. nessuno La nomina di Stefania Pucciarelli, quella delle ruspe per gli immigrati, a presidente della commissione diritti umani al senato ci dice che il degrado avanza inesorabilmente. Ci dice che il degrado, sopratutto istituzionale, è inarrestabile con i paradigmi di questa epoca. Oramai è evidente, agli occhi di chi... Continua »
I salvatori de L’unità

I salvatori de L’unità

dott. nessuno Lelle Mora è un’ottima candidatura per la direzione de L’Unità. La candidatura del soggetto è al livello che il giornale raggiunse già negli anni ’70: forcaiolo, antesignano del complottismo (processo 7 Aprile 1978), complice della balena bianca, la DC, della grande borghesia italiana, servo dell’imperialismo yankee, promotore fautore... Continua »
Roma 10.11.2018: la materializzazione di centomila invisibili

Roma 10.11.2018: la materializzazione di centomila invisibili

dott.nessuno A Roma il dieci novembre 2018 si sono materializzati centomila invisibili. E’ stato l’emersione (vista e vissuta da chi riesce ancora a vedere e a vivere il reale, da chi non è stato ancora accecato e prosciugato dalla vita dai dispositivi di potere) della punta di una potenza immanente... Continua »
Raqqua liberata dalla prime linee delle donne kurde Ypj

Raqqua liberata dalla prime linee delle donne kurde Ypj

Trump è un guappo di cartone: forte con i deboli e debole con i forti. Per liberare Raqqa ci sono voluti il comando e le prime linee delle donne kurde del Ypj. Erdogan si è nascosto dietro di loro e Trump è rimasto nei cieli a distribuire i dollari delle bombe... Continua »