B. C. secondo sequestro: non ci fermerete

di Bastian contrari. 31.5.2012

bc1 (1)

Foto Presidio di B.C.

Dopo il sequestro della villa,oggi pomeriggio è arrivato anche quello per il capannone, ma noi restiamo in giardino.

Vergogna!

Bastian Contrari è un collettivo  di artisti, artigiani, agricoltori, laureati, disoccupati, sottoccupati, famiglie, tutti precari senza futuro.

Rivendichiamo i beni comuni, la libertà di espressione e il rispetto dei diritti umani, adottando l’autogestione e l’autoproduzione come unica alternativa concreta per resistere alla crisi, al debito e alla repressione.

Da due anni ormai stiamo lavorando al recupero di un’area, abbandonata al degrado da 10 anni, in via degli uffici finanziari; l’abbiamo ripulita e valorizzata ogni giorno con attività culturali e laboratori di arti e mestieri, riuscendo anche a trasformare una selva incolta e sporca, nell’unico orto urbano cittadino.

Purtroppo, interessi economici più forti della produzione culturale, artistica e agricola, insistono nella nostra area autogestita.

Per questo oggi ci hanno tolto anche i capannoni intralcio all’ennesima speculazione sul mare di Salerno.

Il PUC prevede una “giustissima” riqualificazione del litorale, da farsi con il reinnesto della vegetazione dunale, tuttavia abbiamo ragione di credere che l’opera intitolata “Parco Dunale Marino” sia solo fumo  negli occhi, solo un bellissimo disegno, molto distante da un vero e proprio progetto: ad oggi non esiste nessuno studio, né alcun’ analisi del suolo tra il nuovo porto turistico e l’inaffidabile depuratore alla foce del fiume Picentino. Possiamo dire con certezza che è un progetto dai lunghissimi tempi di messa in opera e dagli elevatissimi costi di produzione. “Si devono generalmente contare da 2 a 5  anni affinché l’Ammophila crei un apparato radicale robusto, e fino a 10 anni prima di ottenere la resistenza massima contro l’erosione e lo sfondamento.”(fonte Commission Europeenne, 2003 http://www.wwf.it/UserFiles/File/News%20Dossier%20Appti/DOSSIER/Mare/coste/tes%20II%20def.pdf).

Per fare questo si devono realizzare le seguenti azioni: • eliminazione della strada costiera e dei muretti adiacenti; • ripristino della geomorfologia e della vegetazione delle dune e degli stagni; • eliminazione delle infrastrutture: rete stradale, parcheggi, rete fognante, ecc.” Lo scandalo è che nell’ultima variante* al PUC, approvata il 07/05/2012, si dà la possibilità anche ai privati di realizzare le opere previste. Che senso avrebbe un’oasi dunale tra un porto e un depuratore inefficiente? Pensate veramente che il comune abbia i soldi per realizzare un parco dunale marino? A questo punto chi dovrà realmente finanziare il progetto? E quali sono gli eventuali interessi di un privato in un opera che “apparentemente” non prevede la possibilità di speculare sull’ennesimo abuso edilizio?

Temiamo che con poche altre mosse si dia ancora la possibilità, ai soliti ricchi di Salerno, di “mettere le mani sulla città” e sul mare dei salernitani.

Mentre aspettiamo risposta alle nostre domande, viene sgomberato uno spazio sociale, che dava la possibilità di praticare una serie di attività paradossalmente compatibili con quelle previste nella destinazione d’uso di questa area di Salerno.

Il PUC, infatti, prevede pubblici esercizi, attrezzature per spettacoli all’aperto, tempo libero e sport , fiere ed esposizioni; e noi potremmo continuare a svolgere tali attività avendo come obbiettivo principale la socialità e non il profitto. Ma non è la prima volta che uno spazio sociale viene sottratto alla città. La cultura e l’autoproduzione non sono mai state ben viste dalle amministrazioni, che preferiscono favorire i privati e le speculazioni.

Da oggi pomeriggio saremo in giardino per una giornata in difesa degli spazi sociali, dell’arte, della cultura, dell’autoproduzione e dell’autogestione.

Vi invitiamo a partecipare ad un “LibereArti sotto le stelle” perchè la libertà di espressione è un bene comune. Costruiamo insieme un dibattito sulle strategie violente o subdole con le quali si applica la repressione.

Non ci avrete mai dove volete voi!

Siamo in via degli Abusi,ex Uffici finanziari 1, di fronte al “Mamanonmama”

Contatti http://csabastiancontrari.blogspot.it/ o bastian contrari su fb

*NB: Gli atti tecnici ed amministrativi costituenti la predetta variante sono depositati presso l’Ufficio di Piano del Settore Urbanistica, Territorio Piani e Programmi, sito alla Via G. Guarna,13 – a libera visione del pubblico per la durata di giorni 60 (SESSANTA) a  decorrere dal 07/05/2012, con i seguenti orari: – Dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00. Chiunque vorrà formulare osservazioni o opposizioni, potrà presentarle in duplice copia, presso il Comune di Salerno –  esclusivamente all’ Archivio Generale entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 06/07/2012.

I commenti sono chiusi.